Personal training
Articoli
Libri e prodotti
Calcolatori
3 Consigli per un Allenamento Flessibile in viaggio ed in vacanza
Come rimanere in forma con l'allenamento in vacanza o durante un viaggio
27/05/2018

Nel corso degli anni in tantissimi mi avete chiesto come riesco a far conciliare i miei impegni lavorativi, le mie 12 ore di lavoro quotidiane, e viaggi settimanali con gli allenamenti. Beh non sarei IronManager se non riuscissi a fare tutto questo…

 

La scorsa settimana sono stato a Milano ad inizio settimana, poi a Londra, Birmingham, Londra di nuovo quindi sono rientrato a Berlino lunedì per poi ripartire per Milano martedì e quindi scendere a Torino venerdì con scalo a Francoforte per la gara FIBBN di Corinna e Gennaro - quando questo video uscirà sul canale YouTube sarò di nuovo in viaggio verso S.Marino e quindi approderò a Rimini Wellness sabato 2 Giugno - se siete anche voi da quelle parti passate per un saluto!

Riconosco che ci vuole un pò di esperienza di time management e gestione dello stress per riuscire a portare avanti tutti i progetti che ho in cantiere nonostante le poche ore di sonno e diversi viaggi settimanali. Ma l’altra mia arma segreta sono decisamente gli allenamenti in palestra, da sempre, anche quando lavoravo a Canon, una valvola di sfogo e una mia personale forma di meditazione e yoga.

"When you're performing a weight set, there is nothing else." Zane says that you must learn to get in touch with the sensation of performing the exercise. "Don't focus on anything but the sensation, not even the breathing. When you've advanced to a state where you are one with the set, your breathing will be in sync with the movement." (F. Zane)

Quando si viaggia o si è in vacanza non si ha accesso alla solita palestra, ad i nostri soliti orari e solite routine. Il tipico malato di palestra non apprezza e vede queste cose come un ostacolo, a volte come un problema a godersi a pieno la vacanza perchè sostanzialmente si sente in colpa per non riuscire a controllare tutte le variabili quotidiane come fa sempre. I comportamenti più comuni infatti sono

  • Mollare tutto,  dieta ed allenamento perchè se non si riesce a fare tutto alla perfezione allora non vale nemmeno la pena provare

 

  • Cambiare routine di allenamento ed allenarsi più del solito per magari compensare qualche mangiata più abbondante o sgarro in vacanza.

In realtà un’atleta con esperienza sa che in questi casi è necessario applicare una buona dose di flessibilità anche negli allenamenti, rimanere aperti di mente. Visto il tempo limitato e le dinamiche diverse rispetto alla routine un atleta più maturo sa come concentrarsi su quegli aspetti davvero importanti dell’allenamento e non perdersi nelle piccole cose o dettagli che diventano davvero meno importanti in queste circostanze.

Ecco dunque 3 consigli per come gestire i vostri allenamenti in maniera flessibile in vacanza o in viaggio.

Continuate ad Allenarvi

Anche un solo allenamento a settimana durante un viaggio o in vacanza è meglio di un’intera settimana ad abbuffarsi e non fare nulla. Le ferie estive sono alle porte - non dovete rinunciare ai vostri allenamenti se andate al mare. L’allenamento dovrebbe essere un piacere, un divertimento, non un dovere. Dobbiamo allenarci per star bene, non per far invidia all’amica o mostrare un accenno di bicipite in spiaggia.

Focalizzatevi sulle progressioni negli esercizi multi-articolari

Se avete pochi giorni a disposizione per allenarvi focalizzatevi sempre sulle progressioni che avete impostato nelle grandi alzate, negli esercizi multi-articolari. L’ho già detto in altre occasioni, qualsiasi scheda di allenamento funziona se riusciamo a progredire nel tempo il carico ed il volume sugli esercizi fondamentali. Tutto il resto, come gli esercizi ausiliari o di pompaggio, è meno importante e non succede nulla se una settimana o due non riusciamo ad inserirli nella nostra routine settimanale.

Questo consiglio mi fu offerto anche da Alberto Nunez l’anno scorso durante la preparazione alla NGA Universe: se in alcune settimane non avevo sufficienti energie per completare l’allenamento, le mie priorità rimanevano sempre i sets sulle grandi alzate mentre potevo recuperare i sets degli esercizi di isolamento anche in un sesto giorno od una giornata extra dove mi dedicavo solo a quello.

Questa settimana per esempio ho accorpato i miei due allenamenti di gambe settimanali in un’unica seduta concentrandomi solo sui sets di squat, front squat, stacco rumeno che per i miei obiettivi di ipertrofia e focus sulle gambe è più funzionale rispetto allo stacco convenzionale ed hip thrusts. In un unica seduta di allenamento per le gambe ho fatto solo 21 sets ma concentrandomi solo su esercizi di questo tipo piuttosto che un semplice leg extension o leg curl vi posso garantire che sono stati sets belli tosti.

Quando siete a casa o avete accesso ad una buona palestra con racks e bilancieri vi consiglio di concentrarvi sulle grandi alzate per poter poi completare le vostre routine settimanali in viaggio in palestre magari meno attrezzate. Nel mio ultimo soggiorno a Kensington per esempio, per questioni di tempo limitato non sono riuscito ad andare in una vera e propria palestra e così ho sfruttato la palestrina dell’hotel sostituendo per esempio le mie alzate con manubri per il petto con una macchina che mi permetteva di lavorare con un maggior sovraccarico visto che i manubri arrivavano solo a 20Kg. Se vi trovate in questa situazione non succede nulla se per una settimana o due andate a sostituire l’esercizio che avete in scheda con qualcos’altro - cercate di rimanere flessibili e di trovare un buon sostituto che si avvicini il più possibile all’esercizio che avete in scheda.

Il bello delle schede in FullBody

Tornate ad apprezzare le schede in full body. Molto spesso questo tipo di allenamenti di tutto il corpo in un’unica seduta sono viste come validi solo per i novizi - in realtà non c’è nulla di più sbagliato. Le full body sono ottime schede di allenamento troppo sottovalutate al giorno d’oggi che hanno una perfetta ragione di esistere soprattutto quando siamo in viaggio o in vacanza ovvero quando il nostro tempo da dedicare agli allenamenti è limitato.

Ecco un esempio di scheda in Fullbody che prevede 3 sessioni settimanali che potete fare quando siete in viaggio o in vacanza per non perdere le buone abitudini. Non è necessaria alcuna attrezzatura particolare, solo un bilanciere, manubri ed un rack.

IronManager

Francesco Pignatti
""
Bodybuilder, Personal trainer, Life coach
34 Anni
The Manager with the Passion for Iron
London
[fbcomments]

Scheda Allenamento Palestra in Multifrequenza Gratuita di IronManager
Un mese intero della mia Scheda Allenamento in Multifrequenza e ad Alto Volume
Testare il massimale tutti i giorni? Quale efficacia sull’aumento di forza?
Ricerca statunitense sull'impatto di un test quotidiano sul massimale su atleti di forza di alto livello
La forza nel natural Bodybuilding
Teoria e scheda pratica