Personal training
Articoli
Libri e prodotti
Calcolatori
Cellulite, questa nota sconosciuta
Come non aggravare il problema e prevenire la neoformazione
25/07/2016

La cellulite non è grasso in eccesso e non scompare dimagrendo. Sembrerà banale per molte ma non è così. La PEFS o panniculopatia edemato fibrosclerotica (cellulite), è una stato patologico del pannicolo adiposo, che se non viene contrastato e prevenuto efficacemente, può aggravarsi fino ad arrivare al suo ultimo stadio (quello edematoso), dove, oltre a diventare dolorosa, sarà quasi irreversibile.

Il bello di esser donna...

Vi siete mai chieste perchè proprio a voi? L' assetto ormonale tipicamente femminile, rende più comuni le problematiche di ritorno venoso e linfatico, principale fattore predisponente alla cellulite. Inoltre, pur in assenza di problematiche venose attuali, in linea generale, il sistema venoso femminile (inteso come parete venosa+sistema di valvole di non ritorno) è meno efficiente di quello maschile per una debolezza intrinseca, anche legata alle percentuali di tessuto muscolare e connettivo che le compongono.

Ma veniamo a noi.. l'allenamento...

Vi sarà sicuramente capitato di iscrivervi in palestra, andare dall'istruttore di sala, chiedergli una scheda, dirgli che avete le "gambe grosse" e che volete "snellirle", togliendo il grasso e la cellulite.

Cosa sarà successo dopo???

L'istruttore vi propone una scheda, per la maggior parte incentrata su cosce e glutei, con serie da 15/20 ripetizioni e magari infilate in un bel circuitino! Più qualche esercizio per la parte superiore da fare all'inizio della scheda. Ed ecco la magia... Situazione peggiore rispetto all'inizio con conseguente rinuncia da parte della malcapitata. Ecco la triste storia della donna e il PT "svogliato".

Ma allora che fare? Niente palestra? Macchè..

Iniziamo ad entrare nel dettaglio prima di proporre un programma sensato La palestra non toglie la cellulite ma ne previene l'aggravarsi (se fatta nel modo corretto). Abbiamo appena detto che il fattore predisponente è la debolezza venosa, questo perchè, favorisce il ristagno di cataboliti e sostanze di scarto, soprattutto nell'arto inferiore dove il sangue è costretto a risalire contro gravità. Torniamo ora alle serie da 15/20 ripetizioni, o al circuitino cosce e glutei. Il lavoro intenso sull arto inferiore spinge il sangue verso il basso. Il lavoro lattacido (dato dal tipo di allenamento sopracitato) crea una situazione di acidosi e di formazione di cataboliti. L'acido lattico e i cataboliti fanno fatica ad essere drenati per e smaltiti per gli ovvi motivi spiegati sopra; da quì lo stato infiammatorio, l'accumulo di liquido, la formazione dell'edema = il danno. Inoltre spesso vedo proposte schede solo gambe, o gambe-dominanti, dove finite le vostre belle serie di squat o leg press ve ne andate a casa senza aiutare prima il sangue a defluire...

La soluzione di CorporeSano – non si tratta di esser competenti ma di NON essere incoscenti!

cellulite

  • Che sia una scheda fullbody o una split, allenare prima gli arti inferiori e successivamente la parte alta del corpo, questo aiuterà il sangue ad essere richiamato "verso l'alto" impedendone il ristagno.
  • Una neofita, che non può lavorare con carichi alti a basse reps, deve evitare il cedimento muscolare sulle alte ripetizioni (buffer -2/-4) per evitare l'eccessiva acidosi. Appena avrà preso la corretta padronanza del gesto tecnico il lavoro deve spostarsi su serie corte 4-6 ripetizioni, con carichi elevati ( >80% 1RM) per i grandi gruppi muscolari degli arti inferiori e non più 8 ripetizioni per i gruppi medio-piccoli, per aumentare la forza e la massa magra evitando comunque l'eccessiva produzione di lattato.
  • Qualora si lavori con una split, che prevede una seduta solo gambe, prevedere 10 minuti di defaticamento cardio a bassa intensità per aiutare la riconversione del lattato da parte del fegato, e successivamente mettersi 2/5 minuti al muro o alla spalliera con le gambe alzate per aiutare il sangue a defluire.
  • Migliorare il microcircolo e la "forza venosa" con allenamenti specifici come il P.H.A, che prevedendo l'alternanza di esercizi per gruppi muscolari molto distanti tra loro allena il sistema circolatorio periferico prevenendone e contrastandone le problematiche.
  • Prevedere, una tantum, una volta migliorato il microcircolo, ben ciclizzati e monitorati, allenamenti lattacidi improntati alla vascolarizzazione e alla capillarizzazione dell'arto inferiore poichè, a parità di stress, un tessuto maggiormente capillarizzato, sarà in grado di drenare più velocemente ed efficacemente il lattato ed i cataboliti accumulati.

Spero di esservi stato utile, non abbiate paura dei grossi carichi, è molto più DANNOSA la zumba! Auguro un buon allenamento a tutte le IronGirl! Buona ghisa a tutte 😉

Mattia Lorenzini
""
1, 1, 1
Personal Trainer - Web Writer - Food Coach
[fbcomments]

Livemore: io e la mia pelle siamo pronte a tutto
Livemore: io e la mia pelle siamo pronte a tutto
Il Porridge Perfetto, Completo e Saziante – Scopri la Fit Ricetta
Il Porridge Perfetto: Buonissimo e Proteico, da gustare tutti i giorni!
La mia Esperienza di Allenamento in Gravidanza e Allattamento
Sfatiamo alcuni miti e dogmi relativi a questo bellissimo periodo in “due”…